Dice Paolo Crepet: “Il problema educativo è uno dei motivi della crisi profonda per questo Paese sta attraversando. C’è chi l’ha chiamato emergenza educativa, io invece voglio usare un termine più dinamico: sfida. Abbiamo bisogno di sfidarci. I nostri figli sono finalmente liberi, cittadini del mondo, che utilizzino questa grande opportunità.”

Organizza una conferenza di Paolo Crepet nella tua città o nella tua scuola. CONTATTACI PER UNA DATA NEL 2014!https://www.crepetincontra.it

Cosa succede in questo Paese? Crisi di valori, crisi educativa, crisi economica. Come uscire da questo circolo così opprimente? Bambini maleducati, adolescenti senza regole, ragazzi ubriachi e indifferenti, giovani senza occupazione che, invece di prendere in mano la propria vita, vegetano senza studiare né lavorare. Non sono tutti così, per fortuna. La differenza sta nel come si educano queste nuove generazioni, che sembra abbiano perduto la speranza e la capacità di stupirsi.

Dice Paolo Crepet: “la paura è una è un sentimento molto nobile, solo le persone intelligenti hanno paura. Se lei ha un bambino e gli regala la bicicletta con le 2 routine in parte lo salva dalla caduta ma fa una cosa molto poco pedagogica perché la bicicletta giusta è quella che non ha le routine. Nella vita per imparare a fare le cose bisogna cadere. La caduta ha dentro anche una cosa magica che si chiama risalita. ”

Organizza una conferenza di Paolo Crepet nella tua città o nella tua scuola: www.crepetincontra.it

PAOLO CREPET INCONTRA LE FAMIGLIE. Aiutiamo le famiglie italiane e aiuteremo il Paese. Sempre più genitori si sentono smarriti, si sentono inadeguati. E’ un problema vero, che va affrontato, perché i giovani e la società si arrendono quando sono proprio i genitori e gli insegnanti ad arrendersi. I nostri figli ci chiedono coraggio. Educare è un mestiere difficile, ma è il mestiere più bello del mondo. Da Paolo Crepet alcuni minuti di profonda riflessione e di guida per un futuro migliore.

Conferenze di Paolo Crepet dedicate a genitori e studenti, sul rapporto educativo, sul rapporto famiglia, scuola e insegnanti. In un momento storico molto difficile una riflessione per costruire un futuro migliore per noi e per l’Italia.